Modonutti Mattia

“Sezione Drammaturgia – edizione 2003” per la prima fascia d’età”, con il testo: “Memorie di un pazzo.


 

“Memorie di un pazzo” di Mattia Modonutti

La particolare rilevanza di questo lavoro, dove il protagonista dialoga con i suoi fantasmi interiori che, di volta in volta, si presentano nella forma di contrapposte ossessioni, consiste soprattutto nella forte suggestione metaforica legata ai tre personaggi reali: il “Pazzo”, ossia l’uomo attanagliato dalle sue contraddizioni, eppure in grado di avvertire in sé, attraverso la “Poesia” il soffio divino; il “Dottore”, ossia la “Tecnica”, che gira attorno all’uomo, senza capirlo e ne resta sostanzialmente lontana ed estranea; la “Segretaria”, ossia la quotidianità sorda alla poesia e alle voci dell’invisibile.

Il testo è stato messo in scena nel 2003 con la regia di Maria Gabriella Giovannelli presso il Teatro  Filodrammatici di Milano con il contributo del Comune di Milano Assessorato Sport e Giovani.

Interpreti in ordine di apparizione: Stefano Zicchieri, Nicolò Piramidal, Milena Viscardi, Eugenio Vaccaro, Marika Pensa, Giusi Nisi, Priscilla Robledo, Marco Vigo, Blazenka Pane, Cristina Gualerzi
Scene e costumi a cura di Raffaella Ghisolfi
Ricerca musicale a cura di Sonia Brioschi
Tecnici audio/luce, macchinisti: Teatro Filodrammatici
Regia di Maria Gabriella Giovannelli
Produzione e Ufficio Stampa: Voci alla Ribalta

“Per l’originalità della concezione e dell’impianto drammaturgico, per l’efficace sequenza delle apparizioni che riproducono in larve visibili e dialoganti, nel sogno del protagonista, i termini della sua ossessione; per il linguaggio mantenuto con grande abilità sul filo di entrambi i versanti emotivi che qualificano il personaggio del protagonista: il lirico-poetico (linguaggio dell’anima) e il trasognato-surreale (linguaggio della follia), la Giuria ha ritenuto il testo: “Memorie di un pazzo” meritevole di vincere la “Sezione Drammaturgia – edizione 2003” per la prima fascia d’età”.