Paolelli Alessandro

Ha ottenuto la “Segnalazione per la Nuova Drammaturgia” e la “Segnalazione Fondazione Carlo Terron” alla XI edizione del “Concorso Europeo per il Teatro e la Drammaturgia Tragos” con il testo: “Kamchatka (… e io mi difendo con tre)

Nasco, nel 05/09/1969, in una famiglia di doppiatori ed ancora prima (nonni) di cantanti ed attori, ma intraprendo una “cattiva strada” e mi laureo in ingegneria. In qualche modo l’estro creativo riesce, per fortuna, a prendere il sopravvento sul mio lato scientifico-razional-noioso ed inizio scrivendo la prima commedia per il teatro nel 1994, “Questo non è un giallo” messa in scena al Teatro di Via Speroni in Roma.
Nel 1996 scrivo ‘Piedi di Feltro’, ad oggi, dopo diverse revisioni, la mia commedia più rappresentata in tutta Italia e che ha stabilito recentemente il record d’incasso nella stagione 2012/2013 al Teatro 7, di Michele La Ginestra.
Partecipo e vinco un’edizione della rassegna ‘Attori in cerca d’Autore’ di Ennio Coltorti nel 2001 con ‘L’Attaccapanni’ e partecipo più volte alla fase finale della rassegna ‘Schegge d’Autore’ di Renato Giordano, in Roma, vincendo il premio come miglior regia nel 2006 con ‘Amen!’ e come miglior attore nel 2009 con ‘Vol au vent’.
Tra il 2004 ed il 2007 seguo alcuni corsi di teatro e di drammaturgia (come quello di Marcello Isidori) e nel 2013 frequento il corso di ‘Scrittura Comica e Cabarettistica’ di Dado Tedeschi.
Vinco il premio come miglior testo e miglior attore nel 2001 con ‘Amen!’ alla XIII rassegna ‘La sera del di’ di festa’ a Trieste ed il premio come miglior opera teatrale inedita (sempre con ‘Amen!’) al concorso Teatro APPLAUSI 2008, Torneo Nazionale delle opere teatrali inedite.
Con la stessa commedia arrivo in finale al premio ‘Oltreparola 2007’ e mi aggiudico il premio come miglior Corto Teatrale al ‘9° Festival del Corto in Sabina’ a Mompeo (RM) e come miglior spettacolo alla VII Rassegna Giovani Ettore Petrolini’ al Teatro 7 in Roma.
Da quell’anno la mia compagnia è stabilmente in cartellone al Teatro 7 in Roma e con un altra mia commedia ‘Il Matrimonio, nella buona e nella cattiva sorte’, altre compagnie teatrali del nord Italia si aggiudicano diversi premi e rassegne.
Dall’ottobre del 2011 sono l’autore del gruppo cabarettistico de ‘I 4 GUSTI’ di Palermo, già vincitori al festival LoComix 2013 di Riccione/San Marino e selezionati per il Laboratorio di Zelig a Verona.
Non faccio, per ora, l’autore di ‘mestiere’, ma cerco di dedicarci tutto il tempo che posso tra lavoro (nel campo delle telecomunicazioni) e famiglia, nella speranza di farlo diventare qualcosa di più di un hobby non appena se ne presentino le condizioni!
Figlio d’arte (doppiatori, nonni cantanti e attori) non segue le orme dei genitori e si laurea in ingegneria. Ben presto nel 1994 la creatività innata lo porta a scrivere testi per il teatro: “Questo non è un giallo”, seguito da “Piedi di feltro”. 

N.B. I cenni biografici vengono pubblicati come inviati dall’autore all’epoca del ricevimento del premio.

Il testo affronta il tema della morte. Quattro fratelli si rincontrano dopo lungo tempo in occasione della morte della loro madre. Fin da piccoli, quando si erano trovati in situazioni analoghe, avevano cercato di esorcizzare l’angoscia di tali eventi riunendosi attorno a un tavolo a giocare ad un gioco di società. Anche questa volta continuano la tradizione, ma attorno a quel tavolo ognuno si confessa e i quattro fratelli forse cominciano a capirsi di più.

“Per il modo originale con il quale viene trattato il tema della morte e della conseguente necessità di trovare un modo, anche un po’ grottesco, per esorcizzare la paura e l’angoscia che lascia in ciascuno di noi; per l’abilità con la quale è condotta la progressione degli eventi fino all’epilogo finale, la Giuria ha ritenuto il testo: “Kamchatka (… e io mi difendo con tre) meritevole della “Segnalazione Tragos  per la Nuova Drammaturgia” e della “Segnalazione Fondazione Carlo Terron” per XI edizione del “Concorso Tragos”