Rapé Aldo

Vincitore, pari merito, della “Sezione Drammaturgia – Monologhi” alla XIV edizione del “Concorso Europeo per il Teatro e la Drammaturgia Tragos” con il testo: “Pinuccio” e la “Segnalazione Speciale Vittorio Giavelli” alla VI edizione del medesimo Concorso con il testo: “Ad un passo dal cielo (W la mafia)“.

Autore ed attore.
Si diploma presso l’Accademia del comico COMICLAB con la direzione artistica di Serena Dandini.
Frequenta laboratori con docenti dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma (Corrado Veneziano; Rosa Masciopinto).
Si forma attraverso un laboratorio biennale di recitazione, “Il BAGAGLIO DELL’ATTORE” approfondendo studi sulla Commedia dell’arte ed improvvisazione teatrale nonché approcciandosi ad un nuovo metodo teatrale, denominato “metodo Alschitz”.
Cabarettista, artista di strada, frequenta numerosi stage di formazione approfondendo e sperimentando la figura del clown.
Tra i numerosi stage: I dialoghi filosofici di Platone, La verticale del ruolo, Il clown teatrale secondo Paolo NaniPeter EchoEmmanuel Gallot La VallèeCarlo Colombaioni.
Prende parte ad alcuni workshop internazionali, tra gli ultimi a Vordingborg (Danimarca).

ESPERIENZE ARTISTICHE:

Teatro:
Come autore, firma e mette in scena lavori quali:
– Tutto in una notte (cabaret).
– Prendila con filosofia (commedia brillante).
– Ottomilametri (cortometraggio).
– Un principe clown di nome…Totò.
– La promessa (atto unico liberamente tratto da Romeo e Giulietta di W. Shakespeare).
– Io sono morto ieri (atto unico)
– Mutu (atto unico teatrale);
– Ad un passo dal cielo (W LA MAFIA) (atto unico teatrale);
– Terra Nera (estate 2008)
Premio miglior attore e premio speciale della giuria, nell’ambito della rassegna Schegge d’autore 2005, Roma.
Primo Premio Sez. Teatro “PREMIO LETTERARIO OSSERVATORIO 2005” – Bari.
Premi miglior attore, miglior regia, miglior testo, miglior spettacolo alla rassegna napoletana “LA CORTE DELLA FORMICA 2005”– Napoli.
Segnalazione speciale “Vittorio Giavelli” nel PREMIO ERNESTO CALINDRI e messo in scena presso il Teatro Strehler di Milano.
E’co-direttore artistico con Lauro Versari del Festival Nazionale “DRAMATICULES” per il centenario della nascita di Samuel Beckett.
Partecipa come autore ed attore a numerose manifestazioni teatrali nazionali:
– 7° New contaminate Art Festival di Aversa (NA).
– III Festival nazionale della letteratura comica ed umoristica, Pontedera (PI).
– Schegge d’autore 2005, Roma.
– Arezzo Festival Nuove Generazioni Teatrali 2007;

Lavora con numerosi artisti tra gli ultimi il cantante Caparezza.
Partecipa inoltre a diverse messe in scena tratte da Shakespeare, Cechov, Martoglio, Pirandello.
Attualmente mette in scena tre nuovi lavori : “Mutu”, di Aldo Rapè, con Aldo Rapè e Nicola Vero, regia Lauro Versari , Troila e Cressida di W. Shakespeare, regia di G. Borgia e Qualcuno volò dal nido del cuculo adattamento teatrale del famoso film di Forman nella parte di McMurphy (protagonista), regia di Lauro Versari.
Conduce inoltre uno studio personale sulle opere di Rosso di San Secondo nella città di Caltanissetta.

 

Cinema e TV:

In qualità di autore ed attore cinematografico è vincitore in numerosi festival nazionali ed internazionali, e riceve il premio speciale della giuria del “Jonio International Film Festival 2005” per il suo cortometraggio Ottomilametri. Con un altro cortometraggio “Sono in ritardo?” , da lui scritto ed interpretato, sul disagio mentale, vince il “Cortopalo International Film Festival 2007” e Il cortoglobo FF 2008, nonché la miglior sceneggiatura al CAPRI INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2008 e numerosi premi quale miglior attore protagonista. – Premio miglior attore e premio miglior scenografia al MURGIA FILM FESTIVAL 2007Premio miglior attore al BOTTEGHE D’AUTORE FESTIVAL 20074° Classificato al IMMAGINI DI NOTTE FILM FESTIVAL 2007Miglior attore al CORTIAMO 2007miglior attore al CORTI E LIBERI 2007Menzione speciale della giuria al BASSA IN CORTO 2007; Con il suo ultimo lavoro “L’altra Storia” vince al Filoteo Alberini FF 2008 sia il miglior corto che la miglior sceneggiatura. Poi selezionato al NAOUSSA INTERNATIONAL FF 2008 e all’ANONIMUL FILM FESTIVAL 2008. In SELEZIONE UFFICIALE AL DAVID DI DONATELLO 2009 ed al TAORMINA FF 2009

Con il duo comico “Il bivio”, (unitamente a Gianbattista Rossi), è impegnato nel laboratorio Zelig 2007 e 2008 di Bari ed è ospite nella trasmissione di RaiTre “Cominciamo bene” e Pelo_Off di Radio KissKiss.

 

CURRICULUM TEATRO

PROD. SPETTACOLO RUOLO REGIA
Teatro COOP 83
di Bari
Dracula di B. STOKER DRACULA (prot) R.DEANDRI
Compagnia
Teatro degli Adriani
Bari
Sogno di una notte di mezza estate di W. Shakespeare PUCK A.ADRIANI
  Il gabbiano di A.Cechov KONSTANTIN (prot) A.ADRIANI
  Questa sera si recita a soggetto di L. Pirandello HINKFUSS (prot) A.ADRIANI
Piccolo Teatro Bari San Giovanni Decollato
di N.Martoglio
MASTRO AGOSTINO A.RAPE’
Fattoria degli Artisti
Primaquinta
Arrangiatevi di Rapè e Rossi (cabaret)   Rapè&Rossi
PrimaQuinta Un principe clown di nome Totò
di A.Rapè
Totò (prot) A.Rapè
PrimaQuinta W la mafia di A.Rapè Calogero (prot) N.VERO
PrimaQuinta
Fitzcarraldo Roma
Dramaticules di S.Beckett   L.VERSARI
PrimaQuinta
Comune di Caltanissetta
Io sono morto ieri di G.Paruzzo Diego – Prot. N.VERO
PrimaQuinta Mutu di A.Rapè Saro (prot) L.VERSARI
Trasudazioni Terra Nera di G.Alemanno Nino (prot) L.VERSARI
Fond. Casillo Troilo e Cressida di W.Shakespeare Patroclo G.BORGIA
O.L.T.R.E. Sas 2010 Qualcuno volò dal nido del cuculo Marfi (prot) L.VERSARI
Virus Teatrali Il confessore di G.Meola Il confessore G.MEOLA
PRIMAQUINTA sas Pinuccio di A.Rapè Pinuccio L.VERSARI


Riconoscimenti – W la mafia

Premio miglior attore e premio speciale della giuria, Schegge d’autore 2005, Roma.
Premio miglior attore, miglior regia, miglior testo, miglior spettacolo, La corte della formica 2005 – Napoli.
Segnalazione speciale “Vittorio Giavelli” nel PREMIO ERNESTO CALINDRI – Teatro Strelher di Milano
Premio Letterario Osservatorio 2005 – Bari

Riconoscimenti – MUTU

Premio internazionel della crtitica “miglior spettacolo straniero” – Festival Avignon Off 2012 (Francia)

 

CURRICULUM CINEMA E TELEVISIONE

PROD. TITOLO RUOLO REGIA
CINEMA 24 gradi fuori asse (short film) Avventore E.Piglionica
CINEMA Turno di notte (short film) Attore E.Piglionica
TV In supposta veritas (videoclip Caparezza) Presentatore E.Piglionica
TV Io diventerò qualcuno (videoclip Caparezza) Militare E.Piglionica
CINEMA Ottomilametri (short film) Contadino A.Rapè
CINEMA Sono in ritardo? (short film) Disabile A.Rapè
CINEMA L’altra storia (short film)   A.Rapè
CINEMA Il combattente (short film) Coprotagonista L.Tullio
WEB Tutti i venerdì Salvo (prot) E.Piglionica
CINEMA Strata ‘a foglia (short film)    
CINEMA Cuorenero (short film) Cuorenero (prot) A.Rapè

Riconoscimenti attore

  • Miglior attore MURGIA FF 2007 per “Sono in ritardo?”
  • Miglior attore BOTTEGHE D’AUTORE FF 2007 per “Sono in ritardo?”
  • Miglior attore CORTI E LIBERI FF 2007 per “Sono in ritardo?”
  • Miglior attore SEGNI NUOVI FF 2007 per “Sono in ritardo?”
  • Menzione Speciale miglior attore BASSA IN CORTO 2007 per “Sono in ritardo?”

Riconoscimenti regia

Miglior Corto CORTOPALO FF 2007- (SR) – “SONO IN RITARDO?”
Miglior Corto CORTOGLOBO FF 2008 – (SA) – “SONO IN RITARDO?”
Miglior Sceneggiatura CAPRI FILM FESTIVAL 2008 – Capri – “SONO IN RITARDO?”
Menzione speciale Premio APT Puglia SALENTO FINIBUS TERRAE – “SONO IN RITARDO?”
Miglior attore e miglior scenografia MURGIA FF 2007 – Gravina (BA) – “SONO IN RITARDO?”
IV Classificato IMMAGINI DI NOTTE 2007 – Albino – “SONO IN RITARDO?”
Menzione speciale BASSA IN CORTO FF 2007 – Macerata – “SONO IN RITARDO?”
Premio giuria Popolare 35MM FILM FESTIVAL 2008 – Bitonto (BA) – “SONO IN RITARDO?”
Miglior corto e miglior sceneggiatura – FILOTEO ALBERINI FF 2008 – Orte – “L’ALTRA STORIA”
Miglior corto – MURGIA FILM FESTIVAL 2009 – Italia – “L’ALTRA STORIA”
Premio speciale per l ‘Impegno Civile – CORTOPALO FILM FESTIVAL 2009 – “L’ALTRA STORIA”
Premio del pubblico CORTO GLOBO FF 2009 – “L’ALTRA STORIA”
Miglior corto sezione ragazzi CORTO VILLESE 2009 – Bergamo – “L’ALTRA STORIA”
Selezione Ufficiale DAVID DI DONATELLO 2009 – “L’ALTRA STORIA”
Selezione Ufficiale TAORMINA FILM FESTIVAL 2009 – N.I.C.E. – “L’ALTRA STORIA”
MIGLIOR CORTO PEACE FILM FESTIVAL – VITTORIA – CUORENERO
Menzione speciale premio giornalistico A SUD DI TUNISI 2011 – CUORENERO
Sceneggiatura finalista CINESICILIA FILM FESTIVAL 2009 – CUORENERO
Selezione Ufficiale DAVID DI DONATELLO 2012 – CUORENERO
Menzione Speciale della Giuria CORTO GLOBO FF 2014 – SALERNO – CUORENERO

N.B.  Il curriculum viene pubblicato come inviato dall’autore all’epoca del ricevimento del premio.

Pinuccio è la storia di uno dei tanti, forse troppi, bambini che hanno lavorato nelle miniere di mezza Sicilia. E’ la storia di una città, Caltanissetta, capitale mondiale dello zolfo. E’ la storia del riscatto di un’isola, la Sicilia, e forse della sua condanna.

Tre chilometri ci sono per la miniera di Gessolungo, a Caltanissetta. Peppino ha solo tre chilometri per non essere più un bambino. A otto anni, Peppino ha solo tre chilometri per diventare grande, per non essere cchiu un picciriddu ma diventare un Carusu. Uno dei tanti Carusi di Miniera.

Per la realizzazione di personaggi ben costruiti, emotivamente intensi, all’interno di una vicenda dove povertà e disperazione sono narrate con delicatezza e discrezione che rendono il testo coinvolgente, la Giuria ha decretato il testo:” Pinuccio” meritevole di vincere pari merito la “Sezione Drammaturgia – Monologhi” della XIII edizione del “Concorso Tragos”.

 

Il testo: “Ad un lasso dal cielo (W la mafia)” dal quale è stata tratta la pièce ha ottenuto la “Segnalazione Speciale Vittorio Giavelli” per la VI edizione del “Concorso Europeo per il Teatro e la Drammaturgia Tragos – 2006”.  Forte del suo alto valore etico e poetico il testo, il testo ha ottenuto i seguenti premi: “Premio speciale della Giuria Schegge d’Autore 2005” (Roma); “Premio Letterario Osservatorio 2005” – Sezione Teatrale (Bari). Il testo affronta il tema degli attentati e degli omicidi compiuti dalla mafia. E’ un lungo monologo che, nascendo quasi in sordina, si carica sempre più di emozioni intense con l’incalzare dei passaggi di pensiero e dei ricordi del protagonista. Il protagonista, Calogero, infatti è un giovane che ricorda fatti accaduti durante l’infanzia nella sua terra, la Sicilia, a causa della Mafia, fatti che hanno coinvolto anche la sua famiglia.  Ancora ragazzo, infatti, vide morire i suoi cari per una vendetta trasversale della mafia. Nei suoi ricordi ha come compagno un vecchio pupazzo, l’amico di tanti anni prima, con il quale interagisce quasi fosse un essere umano. L’animo di Calogero non è stato intaccato dalle brutture del mondo e in lui continua a vivere la speranza che la “bella favola di una vita normale” possa continuare ad esistere.   Ormai trentenne i ricordi rivivono col distacco di chi si pone a guardare questo mondo da un’altra prospettiva, a metà tra il cielo e la terra.  Ed è proprio “ad un passo dal cielo” che il protagonista si è metaforicamente posizionato, creandosi un suo mondo parallelo. Lì ha scoperto la bellezza della libertà, l’autenticità della natura, ha conosciuto se stesso. Il  mondo  di Calogero è uno spazio reale e nello stesso tempo virtuale, che  permette al protagonista di osservare lo scorrere della vita così com’è con le sue contraddizioni, le sue follie e le piccole gioie e nello stesso tempo  di sognare un mondo pieno di “cose da fare”, di andare alla scoperta  dei piccoli segreti della vita.

Messa in scena

La pièce ha avuto varie rappresentazioni, dopo il “Premio Tragos” è stata messa in scena da Pro(getto)scena alla Scatola Magica del Teatro Strehler a Milano con la regia di Maria Gabriella Giovannelli e la partecipazione di Marco Rigamonti  Ballerino, attore, cantante vanta un curriculum denso di esperienze accumulate in dodici anni di carriera, che mettono in evidenza la poliedricità e la capacità di adattarsi a tanti ruoli che vanno dall’interpretazione di Histoire du soldat di Igor Stravinskj , alla partecipazione al “Pinocchio” musicato dai Pooh con la Compagnia della Rancia alla Fenice di Venezia. Marco Rigamonti ha saputo far rivivere sulla scena il personaggio facendo vibrare tutte le corde segrete dell’animo del protagonista e lasciando negli spettatori un messaggio positivo di speranza in una vita carica di valori. La pièce, sempre con la regia di Maria Gabriella Giovannelli ha partecipato, in occasione della “Festa del Teatro” a Milano, organizzata dalla AGIS, ad una rassegna di drammaturgia contemporanea presso il Teatro della Memoria di Milano e al Teatro Ciceri di Veduggio.

Interprete: Marco Rigamonti Scene e costumi a cura di Stefania Barreca, Stefania Coretti, Elena Colombo, Gregorio Zurla, (allievi del Dipartimento di Progettazione ed Arti Applicate – Istituto di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Brera) con il coordinamento del Prof. Roberto Comotti e della dott.ssa Beatrice Laurora. Musiche originali di Lezziero Rescigno e Giovanni Calella Tecnici audio/luci, macchinisti: Piccolo Teatro di Milano Regia di Maria Gabriella Giovannelli (link) Ufficio Stampa: Studio Koyaanisqatsi Produzione: Pro(getto)scena

 

 

 

“Per la capacità della realizzazione di un monologo, per il modo originale e la delicatezza con i quali è stato strutturato un tema scabroso; per la costruzione del protagonista; per l’uso del linguaggio efficace, scarno e nello stesso tempo poetico ed intenso, la Giuria ha decretato il testo: “Ad un passo dal cielo (W la mafia)” meritevole della “Segnalazione Speciale Vittorio Giavelli per la VI edizione del “Concorso Tragos”.