Vaccaro Tiziana

Ha vinto “la Sezione Drammaturgia – Teatro Donna 2021” alla XVI edizione del “Concorso Europeo per il Teatro e la Drammaturgia Tragos con il testo: “Sindrome Italia

Vive e lavora a Milano. Si diploma nel 2008 come attrice professionista all’Accademia d’Arte Drammatica “Umberto Spadaro” del Teatro Stabile di Catania diretta da Lamberto Puggelli e nello stesso anno si laurea in Scienze per la Comunicazione Internazionale presso l’Università degli Studi di Catania. Spinta dal desiderio di unire le sue due grandi passioni, il teatro e il sociale,

Nel 2014 consegue il Master di Teatro Sociale e di Comunità presso l’Università di Torino.
In veste di attrice, organizzatrice e conduttrice di laboratori, fa parte dell’ équipe del progetto Teatro degli Incontri diretto da Gigi Gherzi, laboratorio d’intervento sociale e di spettacolo all’interno della zona di Via Padova di Milano, creato dalla necessità di partire dal rapporto tra migranti e abitanti italiani della città.
Lavora inoltre come attrice e social media manager con la compagnia milanese Qui e Ora Residenza Teatrale, attiva sul territorio della bergamasca e riconosciuta nel 2018 dal MIBACT come “impresa di produzione di teatro di innovazione”. Collabora infine con la compagnia teatrale siciliana Sciara Progetti, con sede a Fiorenzuola d’Arda, alla costruzione di laboratori teatrali e spettacoli nelle scuole e più in generale di progetti artistici nazionali ed europei.

Nel 2015, dopo un lungo processo di ricerca, scrive lo spettacolo Terra di Rosa – vite di Rosa Balistreri, vincitore di diversi premi (Premio Teatrale Calandra; Premio del Pubblico Ermo Colle 2018; Premio Stazioni d’Emergenza IX; Premio TeatrOfficina 2016) e dal 2016 in tournée. Nel 2019 inizia a scrivere lo spettacolo Sindrome Italia. O delle Vite Sospese, una riflessione sulla migrazione femminile dall’Est Europa. Lo spettacolo nasce in collaborazione con cultureandprojects, Officine Papage, Trac – Centro di Residenza Pugliese, r-Esistenze / Residenza Teatrale della Piana e un ringraziamento a La Corte Ospitale, ADRI – Associazione Donne Romene in Italia.

E’ membro di C.Re.S.Co, rete di coordinamento delle realtà della scena contemporanea

Spettacoli
Terra di Rosa. Vite di Rosa Balistreri
Sindrome Italia. O delle Vite Sospese

Laboratori e incontri con le comunità
Nel corso del processo di creazione di Sindrome Italia. O delle Vite sospese, Tiziana Francesca Vaccaro ha condotto numerosi laboratori con donne italiane e migranti. Gli incontri sono stati parte dell’indagine e della raccolta di fonti ai fini della scrittura drammaturgica del testo dello spettacolo. Tra gli appuntamenti, il laboratorio “Donne allo specchio” svoltosi da aprile a giugno presso La Corte Ospitale di Rubiera, un progetto a cura del Comune di Rubiera in collaborazione con La Corte Ospitale promosso dalla Regione Emilia Romagna all’interno del bando per le pari opportunità e contro le discriminazioni di genere deliberato nell’ottobre 2018.
Un secondo appuntamento si è svolto a Manfredonia, grazie a Botte ga degli Apocrifi nell’ambtio della residenza ospiti di Trac – Centro di Residenza Pugliese

Altri spettacoli e collaborazioni artistiche

Canto Clandestino – performance urbana, Teatro degli Incontri, Gennaio 2018-Novembre 2019, Milano
Atti inutili di bellezza – performance urbana, Teatro degli Incontri, Maggio-Giugno 2017, Milano;
I colori della ragione – Franca Helg, Fondazione Franco Albini (Milano), Marzo 2017-Dicembre 2018;
The City Ghettos of Today, ispirato a “La Tempesta” di Shakespeare, Cantieri Meticci (Varsavia, Parigi, Bologna, Milano, Helsinki e Berlino), Creative Europe 2013-2015
Il ristorante delle tre sfide”, Expo 2015 (Padiglione Spagnolo), drammaturgia e regia di PAI Teatro-Animación, Zaragoza;-
Città aperta, City of Prometheus, Fiera Medea e La festa di Antigone, eventi conclusivi di un laboratorio di teatro di comunità diretto da Gigi Gherzi e Teatro degli Incontri (Milano), Giugno 2016, Giugno 2015, Giugno 2014 e Giugno 2013;
Medea, Teatro degli Incontri 2013
Antigone, spettacolo di Teatro degli Incontri 2012
La Casa di Bernarda Alba fuori San Vittore, da un progetto di teatro e carcere di Donatella Massimilla, Luglio 2013 (Milano);

 

N.B. il curriculum viene pubblicato come inviato dall’autore all’epoca del ricevimento del premio.

Chi sono le donne che arrivano dalla Romania, dalla Polonia, dall’Ucraina, dalla Moldavia? Chi sono state prima di diventare “badanti”? Cosa lasciano nel loro Paese? Cosa immaginano per il loro futuro? 
Sindrome Italia è il termine medico usato per indicare l’insieme di malattie invalidanti che colpisce le donne dell’Est che sono state migranti in Italia, dove hanno lavorato come colf e assistenti familiari, lontane dalle loro famiglie e dai loro figli.
Dieci anni sono racchiusi in una lettera, quella che Vasilica scrive ai propri figli per raccontare il tempo che li ha tenuti lontani, il perché di una partenza verso un paese straniero, la terra promessa dei pettegolezzi di campagna. Sola in quella terra, si è presa cura di persone straniere, estranei, così come lei è ora estranea a sé stessa, estirpata alla radice. 
Dall’Italia alla Romania passando per Palermo e Milano, Sindrome Italia. O delle vite sospese è il racconto di un ritorno, delle cicatrici della migrazione, di una femminilità in lotta, è la storia di una e insieme di moltissime donne, le nostre “badanti”.