Tarabotti Chiara Ines

Ha vinto, pari merito, la “Sezione di Drammaturgia – Teatro di Narrazione” alla XV edizione del “Concorso Europeo per il Teatro e la Drammaturgia Tragos” con il testo: “Deserto”.

2020 regia video e luci, La Resurrezione, oratorio, Georg Friedrich Händel, Teatro Comunale di Ferrara docente del laboratorio di scrittura drammaturgica creativa per la manifestazione Ferrara Contemporanea

2019 regista assistente e direttore di scena, La Statira, opera, Tomaso Albinoni, Teatro Comunale Mario Del Monaco di Treviso semifinalista al festival Fantasio2019

regista assistente, Il campanello, opera, Gaetano Donizetti e La cambiale di matrimonio, opera, Gioachino Rossini, Teatro Lirico di Cagliari regia e drammaturgia, Deserto, prosa, Milano, La scighera teatro

regista assistente, Statira, opera, Tomaso Albinoni, Venezia, Teatro Malibran (prod. Teatro La Fenice)

2018 regia, Zenobia, regina de’ Palmireni, opera, Tomaso Albinoni, Teatro Comunale di Treviso regia e drammaturgia, Poeti troiani, prosa, Macomer (NU) regista assistente, Zenobia, regina de’ Palmireni, opera, Tommaso Albinoni, Venezia, Teatro Malibran (prod. Teatro La Fenice) regia e drammaturgia, The bomb, prosa, versione in inglese de La bomba. Della necessità del fare, Milano, Teatro Linguaggicreativi

2017 regia, Atlas 101, opera, musica e libretto di Giovanni Mancuso, debutto nazionale, Teatro Comunale di Treviso 2016 regia e drammaturgia, Barbablù in 7/4. Canzoni inedite di Gin Negri, spettacolo musicale, Milano, Museo del 900 ideazione, costruzione, regia e drammaturgia, Poeti troiani, progetto multimediale (fotografia e teatro) 2015 … docente del corso di drammaturgia presso il teatro Ferrara Off (Ferrara) 2014 regia e drammaturgia, La crepa #01, prosa, Milano, Teatro Linguaggi Creativi e ITfestival, Fabbrica del Vapore, Milano;

2013 regia, La bomba e Peggio di un bastardo, prosa, presentati ad ITfestival, Fabbrica del vapore, Milano; drammaturgia e regia dei concerti nell’ambito del progetto Musica da signori, Università degli Studi di Milano; regia, La bohème, opera, Giacomo Puccini, Teatro di Lora (CO). gestione sito e bandi europei per l’Associazione Musicale Musica XXI, Milano; progettazione eventi e regia per l’Associazione Lirica Il circolo delle quinte, Como. 2012 regia e drammaturgia, La bomba. Della necessità del fare, prosa, Milano, Teatro Linguaggicreativi; regia ed organizzazione, Progetto San Maurizio, concerto e letture, in collaborazione con Comune di Milano, Centro di ricerca San Maurizio dell’Università degli Studi di Milano e Fondazione Amadeus; regia, s. m. /impiego di energia volto ad uno scopo determinato, performance, Officine Creative Ansaldo (OCA), Milano; ideazione, storiedimpiegati, progetto vincitore della Call 2012 di MiTiCi – Parco dei Talenti Creativi, Fondazione Milano; regia della lettura delle poesie vincitrici del concorso nazionale di poesia Daniela Cairoli, Rovello Porro (CO). 2011 ideazione, La carne che siamo, progetto vincitore della Call 2012 di MiTiCi – Parco dei Talenti Creativi, Fondazione Milano; regia dello spettacolo omonimo e ideazione di diverse installazioni correlate, Festival MiTiCi, Fondazione Milano; assistente alla regia, Maria di Rohan, opera, Gaetano Donizetti, regia di Roberto Recchia, Teatro Donizetti, Bergamo; assistente alla regia, Aida colossale, opera, Giuseppe Verdi, regia di Renato Bonajuto, stadio di San Siro, Milano. regia, Papez, spettacolo musicale su poesie di Claudio Pagelli; consulenza registica per lo spettacolo Alice allo specchio di Mariangela Martino. consolle luci e video per Giardino/Galera, Maurizio Corbella, Bresso (MI) campus “Musica e teatro con fantasia” con bambini 6-9 anni, Associazione Musica XXI, Milano; laboratorio musical-teatrale con anziani presso Fondazione “La Pelucca”, Sesto S. Giovanni e Cusano Milanino, organizzato da Associazione Musica XXI, Milano; disegno luci e console, La piramide rovesciata di Elena Redaelli, regia di Elena Redaelli, Merate. 2010 regia, performance per l’inaugurazione della personale di Maria Cristina Limido, Festa democratica Schiranna 2010, Varese; disegno luci La foresta stellata di Elena Redaelli, regia di Elena Redaelli, Merate; maestro di palcoscenico, Il Campanello, opera di Gaetano Donizetti, regia di Mauro Avogadro, Teatro della Fortuna di Fano. partecipazione alla finale del bando Experience (Milano trepuntozero) con un progetto di regia su Dialoghi interiori di Siel Agugliaro. 2009 regia, performance per l’inaugurazione della personale di Maria Cristina Limido, Festa democratica Schiranna 2010, Varese; disegno luci La foresta stellata di Elena Redaelli, regia di Elena Redaelli, Merate; maestro di palcoscenico, Il Campanello, opera di Gaetano Donizetti, regia di Mauro Avogadro, Teatro della Fortuna di Fano. partecipazione alla finale del bando Experience (Milano trepuntozero) con un progetto di regia su Dialoghi interiori di Siel Agugliaro. assistente alla regia, Linda di Chamounix, opera, Gaetano Donizetti, regia di Roberto Recchia, Teatro Sociale di Bergamo (città alta); assistente alla regia e direttore di scena, Ferrovia soprelevata, Dino Buzzati-Luciano Chailly, regia di Lisa Nava, direzione M° Gianluca Capuano, Piccolo Teatro di Milano – Associazione Res Musica; assistente alla regia, Convenienze ed Inconvenienze teatrali, opera, Gaetano Donizetti, regia di Roberto Recchia, Teatro della Fortuna di Fano; assistente alla regia, Italiana in Algeri, opera, Gioachino Rossini, regia di Roberto Recchia, Teatro Sociale di Como/As.Li.Co; consulenza musicologica e ricerca musicale, Hamlet macht frei di Massimiliano Di Miceli, regia di Andrea Lisco, Conservatorio G. Verdi di Milano; drammaturgia visiva del concerto dell’ensemble La déesse Venus, direzione M° Giovanni Cantarini, Teatro di Coriano di Rimini (RN). 2008 regia, Parisina, melologo di Vittore Veneziani, Rocca di Verucchio (RN); assistente alla regia, Don Gregorio, opera, Gaetano Donizetti, regia di Roberto Recchia, Teatro Massimo Bellini di Catania e Teatro della Fortuna di Fano; assistente alla regia, Il Barbiere di Siviglia, Gioachino Rossini, regia di Roberto Recchia, Teatro Olimpico di Vicenza; regia, reading tratto da I cantici di Thérèse di Florinda Fusco, Associazione culturale Helianto, Rovello Porro (CO); tecnico luci, Tumore di Lucia Calamaro, regia di Lucia Calamaro, Teatro della Contraddizione, Milano. 2007 assistente alla regia, Don Gregorio, opera, Gaetano Donizetti, regia di Roberto Recchia, Teatro Donizetti, Bergamo; assistente alla regia, Cul de sac – Ultima notte a Baggio, prosa, Paolo Trotti, regia di Paolo Trotti, Teatro della Contraddizione e Teatro Ringhiera, Milano; tecnico luci, Brueghellandia Ray di Marco Maria Linzi, regia di Marco Maria Linzi, Sabrina Faroldi, Micaela Brignone, Teatro della Contraddizione, Milano. 2006 assistente alla regia, Andromeda, melologo di Nicolò Zingarelli, regia di Roberto Recchia, Accademia Litta, direzione M° Manlio Benzi, Teatro Titano, San Marino e Teatro Litta, Milano. regia, Il fantasma dell’officina – Divertissement edipico, musical itinerante, Compagnia dell’Officina, ditta De Andrea, Lainate.

N.B. il curriculum viene pubblicato come inviato dall’autore/autrice all’epoca del ricevimento del premio.

Il contesto La storia del popolo saharawi è ancora tutta da scoprire, una gemma preziosa da imparare a conoscere. I Saharawi si definiscono «il popolo delle nuvole»: nomadi, che diventano sedentari e si stabiliscono all’inizio del ‘900 nella zona chiamata Sahara occidentale, a sud del Marocco. È proprio questa posizione a fare gola a molti, Marocco e Mauritania in primis: il territorio è ricco di risorse naturali, soprattutto fosfati, ed il mare di pesci, gas e petrolio. Nel 1975 il Sahara occidentale viene invaso dal Marocco e dalla Mauritania (che poi si ritirerà dal conflitto): la zona è tuttora sotto occupazione, e la terra dei Saharawi è definita l’ultima colonia d’Africa, in cui i colonizzatori di oggi sono i colonizzati di una volta. Il popolo Saharawi vive attualmente in diaspora: una parte (minoritaria) è rimasta sotto l’occupazione marocchina, gli altri si sono stabiliti in campi profughi in Algeria, che ha dato loro ospitalità del deserto dell’Hammada, uno dei luoghi più inospitali del pianeta. Il testo, sinossi Deserto si concentra sulla figura di Mariem Hassan, «la Voz del Sahara», la più importante e riconosciuta cantante saharawi. Nata nel 1958 a Smara e costretta a subire l’esilio nei campi profughi in Algeria negli anni ’70 a seguito dell’invasione del Sahara occidentale da parte di Marocco e Mauritania, Mariem si fa voce e canto di un popolo che non perde la speranza di poter tornare a vivere nelle proprie terre. Dopo aver girato tutto il mondo con la sua musica, l’haul, ed aver portato la storia del suo popolo a pubblici diversi, muore nel 2015 nel campo profughi di Tindouf, in seguito ad una malaYa. La biografia di Mariem Hassan viene intrecciata, nel testo, alla storia del popolo Saharawi, fondamentale per comprenderne a fondo i passaggi. Attraverso parti di narrazione storica alternate a momenti più evocativi, Deserto vuole portare alla coscienza dello spettatore occidentale una storia ancora purtroppo poco conosciuta attraverso un racconto rigoroso ma emozionale. Deserto è un testo di teatro di narrazione pensato per un’attrice accompagnata dall’autrice, che interviene sul finale a portare la sua riflessione sul testo, sincera e non mediata dalla finzione attorale.

error: IL contenuto è protetto